Per visitare il Parco,
la miglior via è...
vaiasinara
Parco Nazionale dell'Asinara
Area Marina Protetta "Isola dell'Asinara"
immagine parcoasinara
  • CEAS.INARA - CENTRO ED. AMBIENTALE E SOSTENIBILITA'

Decreti istitutivi del Parco e della Area Marina Protetta

Le regole del Parco Nazionale e dell'Area Marina Protetta dell'Asinara sono contenuti nei due decreti istitutivi pubblicati nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana il 20.12.2002.

I documenti integrali possono essere scaricati dalle sezione normativa di questo sito.

In sintesi, per il Parco Nazionale sono istituite zone a diverso livello di protezione.

La zona A, di eccezionale interesse naturalistico e ambientale, ove non è consentito l'accesso neanche a piedi se non per operazioni strettamente legate alla gestione del Parco, per studio o per soccorso.

La zona B, di rilevante interesse, è il parco vero e proprio. Rappresenta quasi il 90% dell'intero territorio dell'isola ed è consentito tutto ciò che non reca disturbo alla natura, all'ambiente ed al paesaggio.

La zona C, di rilevante valore paesaggistico, che comprende le aree a vocazione agricola di Trabuccato, Campo Perdu e Fornelli.

La zona D, che comprende le aree urbane di Cala Reale e Cala d'Oliva, sono consentite tutte le attività normalmente consentite in un centro urbano.

Nell'Area Marina Protetta esiste una zonizzazione simile.

Nella zona A  di riserva integrale, ubicata a Cala di Scombro di Fuori e di Dentro e Punta Scorno-Cala d'Arena, dove sono consentite solo azioni di soccorso e ricerca.

Nella zona B di riserva generale sono consentite le attività classicamente esercitate nelle aree marine (diving, balneazione, navigazione a vela o remi, pesca professionale autorizzata, snorkeling, pescaturismo, ecc.)

Nella zona C di riserva parziale sono vigenti le stesse norme della zona B, ma qualche parametro meno restrittivo.

 

A partire dal 20 luglio 2016 è in vigore il Regolamento del Parco Nazionale dell'Asinara.

Visualizza il regolamento clicca qui